/  Design   /  FINEMATERIA

FINEMATERIA

INTERVISTA A STEFANO BASSAN E GIANLUCA SIGISMONDI:

Siamo Stefano Bassan e Gianluca Sigismondi (24), ci siamo laureati in Product Design nel 2019 allo IED Istituto Europeo di Design di Milano. Abbiamo iniziato a collaborare durante il percorso di studi concluso con una tesi insieme. Durante la conclusione del percorso di tesi abbiamo affiancato lo studio CARA\DAVIDE lavorando a differenti progetti specialmente quello per Rinascente. Da qui è nata la giusta energia che ci ha portato a creare Finemateria.

Qual è la vostra missione?

Ci piacerebbe dimostrare che non bisogna guardare l’età. Ci piace essere diretti e trasparenti. Cerchiamo di colpire le emozioni, lasciare un messaggio, raccontare una storia. Riacquisire il valore materico.

Come definireste il vostro stile?

Credo che è ancora presto e comunque non ci piace catalogarci. Quello che cerchiamo è essere noi stessi. Abbiamo un linguaggio semplice, ricco di stimoli, sintetizzati in pensieri e materia come figure protagoniste.

PHOTO FROM FINEMATERIA

Cosa vi ispira?

Sicuramente ogni viaggio è un’esperienza incredibile che ci contamina. Cerchiamo di raccogliere stimoli da quello che ci circonda, abbiamo una visione attenta anche su moda e fotografia, crediamo nella cross-impollination.

Parlateci della scelta dei materiali e del processo creativo.

Il percorso inizia con il dialogo e il confronto di idee e stimoli, criticandoli cerchiamo di evidenziare i punti chiavi. Non vogliamo lavorare d’istinto, infatti le idee hanno bisogno di riflessione, tempo e pause. Una volta creato un concept lo trasformiamo in linguaggio e materia. La seconda fase parte con la ricerca materica, processo che ci piace svolgere a contatto con aziende e artigiani, luoghi dove il sapere e le opportunità sono elevate.

Ad oggi qual’è il vostro progetto preferito e perché?

COMFORT/UNCOMFORT è il nostro primo progetto e racchiude il nostro pensiero. Ha un estetica minimale, cruda, senza fronzoli. Siamo soddisfatti perché ci sta permettendo di metterci in mostra per le nostre qualità.

Come unite funzionalità ed estetica?

Funzionalità ed estetica sono unite dalla semplicità. E’ la persona che soggettivamente decide e ne diventa parte.

Su cosa state lavorando al momento?

Al momento stiamo portando avanti COMFORT/UNCOMFORT come progetto di comunicazione, presentandolo ad ottobre ha ancora bisogno di molta visibilità. Stiamo studiando delle soluzioni per esporla nei prossimi mesi. Per la progettazione invece stiamo sviluppando nuove idee, ma senza fretta.

Qual è l’elemento che determina il successo di un progetto?

La coerenza, la freschezza e le emozioni. Molto parte dalla comunicazione, bisogna essere chiari e facilmente comprensibili. L’estetica è soggettiva ma se piace aiuta più di tutto. L’importante è avere il coraggio di provarci.

In che direzione vedete andare il mondo del design?

Il design in questo momento sta capendo che ha bisogno di rallentare e pensare. Le aziende saranno più attente a produrre, investendo più tempo nello sviluppo di progetti forti e differenti. Le realtà più piccole invece spingeranno molto nell’autoproduzione e auto-promozione. In generale non si dovrebbe più essere presi dal frenetismo dettato dal mercato (Salone del Mobile) ma trovare un l’equilibrio proprio.

Website:

https://www.finemateria.com/

LA GALLERIA

The magazine for Italian Fashion & Design lovers.

 

CONTACT US

mail@lagalleria.pl

Pick a language: