/  Fashion   /  Aramù

Aramù

ELISA ARAMU RACCONTA IL SUO BRAND:

Sono Elisa Aramu, ho 29 anni e sono nata e cresciuta a Biella, una città situata a nord ovest dell’Italia, molto nota per la sua industria tessile. Mi sono laureata in Economia Aziendale all’Università di Torino e dopo un breve trascorso di studi in Canada, mi sono trasferita per qualche anno a Parigi dove ho studiato e lavorato nel retail e marketing. Ora sono rientrata in Italia e mi dedico ad Aramù.

Da dove nasce la passione per la moda?

Sono sempre stata affascinata dalla moda e in particolare dai tessuti, sin da quando ero piccola. Durante gli studi universitari, ho deciso di iscrivermi a un corso di sartoria il quale mi ha permesso di capire come funzionasse la creazione di un abito e l’industria moda/tessile. Spinta da questa curiosità, ho deciso di specializzarmi in gestione di imprese di moda ottenendo un master in Fashion Management a Parigi.

Che cosa ti affascina di questo mondo?

Mi affascinano la creatività e la ricerca che questo mondo richiede. Inoltre, essendo io una mente logica e pragmatica, mi piace scoprire le novità e studiare i trend di business in questo settore.

PHOTO BY ARAMÙ

C’è, o c’è stato, qualcuno o qualcosa che ha influenzato il tuo lavoro?

Penso che il territorio in cui sono cresciuta abbia influenzato il mio lavoro. Credo che il capospalla sia il capo che meglio esprima la bellezza e la qualità dei tessuti tipici del biellese. Ma credo anche che la mia esperienza a Parigi abbia avuto un’importante influenza in termini di stile e valori.

Come definiresti in tre parole il tuo brand?

Internazionale,

Femminile,

Audace.

PHOTO BY ARAMÙ

Quando lavori ad un progetto, da dove cominci?

Il mio obiettivo è quello di realizzare qualcosa che possa essere apprezzato dal pubblico al quale mi rivolgo. Inizio quindi pensando alle mie potenziali clienti: mi piace poterle stupire con capi e tessuti originali, offrendo loro qualcosa di nuovo e che possa essere portato in tutte le occasioni.

E cosa ti ispira?

La mia fonte d’ispirazione principale sono i viaggi, l’arte, l’architettura e le tradizioni di un luogo. Ogni creazione Aramù infatti porta il nome di una città che meglio esprime le emozioni e sensazioni che il tessuto mi suscita.

Quanto del tuo stile personale c’è nel brand?

Molto. Credo non sia possibile realizzare un prodotto che non sia indossabile dal designer che lo pensa. Il mio stile è per lo più minimal e casual arricchito da qualche pezzo originale e vintage.

Come hai affrontato il lockdown a livello creativo?

È stato un periodo molto complicato poiché abbiamo dovuto rivedere alcuni eventi che avevamo in programma; ma allo stesso tempo mi ha dato l’opportunità di studiare il mercato della moda, definire la strategia del brand. Mi sono sentita ispirata e spronata dalla voglia di realizzare una collezione che fosse bella e senza tempo… e così ho realizzato Modern Voyage, la collezione di questo autunno/inverno.

Quanto conta per te il Made in Italy e la sartorialità?

Tantissimo. Saranno le mie origini, ma credo che sia sempre più necessario apprezzare e cercare prodotti di qualità, sartoriali e che rappresentino il vero made in Italy. La capacità artigianale che c’è in Italia va preservata e curata.

Cosa c’è nel futuro del tuo brand?

Spero di poter continuare a ideare nuovi blazer che facciano “viaggiare” e ispirare le donne che li indossano, le facciano sentire belle e fiere di loro stesse. Attualmente abbiamo lanciato una collezione Limited Edition di capi esclusivi e raffinati, realizzati con tessuti pregiati di giacenza di importanti tessiture biellesi… e una piccola novità tutta da scoprire 🙂

PHOTO BY ARAMÙ

Website:

https://aramuitaly.com/

Instagram:

https://www.instagram.com/aramuitaly/

LA GALLERIA

The magazine for Italian Fashion & Design lovers.

 

CONTACT US

mail@lagalleria.pl

Pick a language: